L'IMPEGNO DI BARILLA ALLA NUTRIZIONE

LA DIETA MEDITERRANEA
 



GUARDA IL VIDEO

È un modello alimentare originario dei paesi del bacino mediterraneo che si distingue per la ricchezza nel contenuto di frutta, verdura, legumi, cereali integrali, pesce, frutta secca e un basso contenuto di grassi da prodotti animali.

SCOPRI LE PIETRE MILIARI DEL CONSENSO SCIENTIFICO

Lorenzo Piroddi, considerato il padre della dieta mediterranea, fu il primo medico a intuire le potenziali connessioni tra alimentazione e malattie come il diabete, la bulimia o l’obesità.

Ancel Keys, medico-scienzato della Scuola dell'Università del Minnesota, dimostrò scientificamente il valore nutrizionale della dieta mediterranea con il noto "studio dei sette paesi".

Iniziò il filone di studio che indaga l’associazione tra diete alimentari e longevità. Emerse che l’adozione di una Dieta Mediterranea rappresenta un fattore protettivo contro le più diffuse malattie croniche.

Oldways insieme all’ Harvard School of Public Health e all’European Office of the World Health Organization introdussero la Piramide Alimentare come rappresentazione grafica della Dieta Mediterranea.

Uno studio condotto su 600 pazienti colpiti da infarto e durato 4 anni dimostrò che la Dieta Mediterranea ha un ruolo molto importante nella prevenzione secondaria di eventi coronarici.

Durante il primo Simposio Internazionale sulla Dieta Mediterranea Italiana, presso l’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”, furono definiti i criteri di adeguatezza nutrizionale per la Dieta Mediterranea Italiana di riferimento.

’UNESCO ha incluso la Dieta Mediterranea nella lista del patrimonio culturale immateriale dell'umanità.

I risultati di prestigiosi studi (PREDIMED, REGARDS, Nurses Health Study) hanno dimostrato che il modello mediterraneo è associato ad un minore rischio di malattie cardio-vascolari, minor probabilità di sviluppo di problematiche cognitive e maggiore longevità.

Studi americani ed italiani hanno messo in luce che il consumo di alimenti tipici della Dieta Mediterranea aiutano la longevità e riducono il rischio per alcune tipologie di cancro.

Due ricerche epidemiologiche italiane mostrano che il consumo di pasta, all’interno della Dieta Mediterranea, è associato ad una riduzione dell’indice di massa corporea e ad una minore circoferenza vita.

Uno studio (EPIC) condotto su 32,119 italiani mostra che i partecipanti con più alta adesione alla Dieta Mediterranea hanno minore rischio di diventari sovrappeso o obesi e di sviluppare grasso addominale

LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Frutta

Consumo giornaliero, anche più volte al giorno>

Verdure

Consumo giornaliero, anche più volte al giorno>

Grani

Consumo giornaliero, anche più volte al giorno>

Olio, erbe e spezie

Consumo giornaliero, anche più volte al giorno>

Frutta secca

Consumo giornaliero in piccola quantità>

Legumi

Almeno due volte a settimana>

Carne bianca

Porzioni moderate, mangiare un paio di volte a settimana>

Uova

Porzioni moderate, mangiare un paio di volte a settimana>

Formaggi

Porzioni moderate, mangiare un paio di volte a settimana>

Yogurt

Porzioni moderate, anche ogni giorno>

Carne rossa

Mangia meno frequentemente>

Dolci

Mangia meno frequentemente>

Biscotti

Porzioni moderate>

Acqua

Abbondantemente>

Vino rosso

Consumo moderato>

Pesce

Almeno due volte a settimana>

La Piramide Alimentare è la "chiave grafica" per visualizzare il modello alimentare mediterraneo. Nella piramide alimentare i diversi tipi di alimenti sono disposti in base al contenuto dei diversi nutrienti. La raccomandazione è di consumare gli alimenti in quantità e frequenza minori mano a mano che si sale verso il vertice della piramide.

Piramide Alimentare, Doppia Piramide - Barilla Center for Food and Nutrition

I BENEFICI DELLA DIETA MEDITERRANEA SULLA SALUTE SONO CONFERMATI DALLA RICERCA SCIENTIFICA

Allunga la vita>

Riduce il rischio di patologie cardiache>

Protegge dal diabete e dall'obesità>

VITA ATTIVA

Per un corretto stile di vita è sempre importante associare a una dieta bilanciata una regolare attività fisica e un consumo conviviale del cibo.

CALORIE E NUTRIENTI

La percentuale e la loro distribuzione

Bibliografia

DOWNLOAD