LA NOSTRA RESPONSABILITÀ

UNA MISSIONE CI GUIDA

TUTTI I NOSTRI PRODOTTI E MARCHE DEVONO PORTARE NEL MONDO CIBO CHE SIA BUONO, SANO E PROVENIENTE DA FILIERE RESPONSABILI, ISPIRATO ALLO STILE DI VITA ITALIANO E ALLA DIETA MEDITERRANEA.

Lo Scenario Internazionale

I continui mutamenti del tessuto economico, sociale e ambientale stanno influenzando la sostenibilità dell’intero settore alimentare e agricolo.
Barilla è impegnata a garantire il proprio contributo al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite. 

Lo Scenario Internazionale

Ci sono sfide di grande urgenza:
da un lato, 821 milioni di persone sono denutrite (una persona su nove), mentre dall’altro 2,1 miliardi (tre persone su dieci) soffrono di obesità o sono in sovrappeso.

Lo Scenario Internazionale

Ogni anno un terzo della produzione mondiale di cibo, viene sprecata: circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo commestibile sprecato lungo le fasi della filiera o nel momento di consumo, nelle case private e nella ristorazione.

Lo Scenario Internazionale

Ogni anno consumiamo le risorse di 1,7 pianeti; questo significa che, se non modifichiamo immediatamente il nostro stile di vita, avremo bisogno, entro il 2050, delle risorse equivalenti a 3 pianeti.

1 /

La Fondazione BCFN

La Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition (BCFN) è un centro di pensiero indipendente e multidisciplinare che studia il cibo nella sua dimensione ambientale, economica e sociale, ispira ogni giorno le attività del Gruppo.

La Fondazione BCFN

Grazie alla collaborazione con scienziati ed esperti internazionali, la Fondazione BCFN produce materiale scientifico volto ad analizzare la complessità degli attuali sistemi agro-alimentari, promuovendo soluzioni e buone pratiche per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs), sanciti dalle Nazioni Unite nell'Agenda 2030.

La Fondazione BCFN

La Fondazione BCFN ha introdotto il modello della Doppia Piramide che dimostra una strettissima relazione tra due aspetti di ogni alimento: gli alimenti a minore impatto ambientale sono anche consigliati dai nutrizionisti per la nostra salute.
 

1 /

Il contributo all'Agenda 2030

Negli anni abbiamo delineato un percorso, racchiuso nella MissioneBuono per Te, Buono per il Pianeta” che ci spinge, passo dopo passo, a portare nel mondo cibo che sia buono, nutrizionalmente equilibrato e proveniente da filiere responsabili, ispirato allo stile di vita italiano e alla Dieta Mediterranea.

Il contributo all'Agenda 2030
  • CIBO BUONO significa gastronomia, gusto, esperienza culinaria, accessibilità e convivialità.

  • CIBO SANO significa materie prime selezionate e profili nutrizionali bilanciati.

  • CIBO PROVENIENTE DA FILIERE RESPONSABILI significa cercare i migliori ingredienti per garantire qualità eccellente e responsabile nei confronti di persone, animali e ambiente.

1 /

Scopri le nostre marche

Vogliamo continuare a offrire alle persone qualità, sicurezza, bontà ed esperienze gastronomiche piacevoli e sostenibili firmate dalle nostre marche, per accompagnare i diversi momenti di consumo.
Scopri le storie delle nostre marche.

Scopri le nostre marche

Barilla ha rafforzato l’impegno per diffondere modelli alimentari nutrizionalmente equilibrati e ha proseguito l’impegno per valorizzare la filiera agricola italiana.
Mulino Bianco ha introdotto la Carta del Mulino, il disciplinare per un’agricoltura più responsabile e i primi prodotti con 100% farina di grano tenero sostenibile.

Scopri le nostre marche

Pan Di Stelle ha proseguito l’impegno con la Fondazione Cocoa Horizons per migliorare la vita dei coltivatori delle piantagioni di cacao in Costa D’Avorio.
Harrys ha rafforzato l’impegno a favore delle filiere per un grano tenero coltivato in modo sostenibile e, a inizio 2020, ha compensato interamente le emissioni di CO2.

Scopri le nostre marche

Gran Cereale ha intrapreso un impegno a favore dell’ambiente, compensando interamente le emissioni di CO2 e finanziando un progetto speciale per la tutela delle aree boschive in Italia.
Wasa ha proseguito l’impegno preso nel 2018 per mantenere la totale compensazione delle emissioni di CO2.

1 /