Close
Mercoledì, 25 Maggio, 2016

Principi “Barilla Sustainable Packaging”

Gli imballi rivestono un ruolo fondamentale nelle aziende alimentari, in quanto proteggono il prodotto, ne garantiscono la sua conservazione nel tempo e ne rendono possibile il consumo in un luogo diverso da quello di produzione.
Barilla presta molta attenzione ai suoi imballi, sia nella progettazione di nuove soluzioni di packaging sia nel miglioramento costante delle confezioni già sviluppate.
Nel corso degli ultimi decenni si è assistito infatti ad un’evoluzione ed ad un continuo miglioramento del packaging con l’introduzione del principio di “Sustainable packaging”, da qui l’esigenza di ridefinire le modalità di progettazione degli imballi per essere sempre al passo con i tempi.
Le prime linee guida per la progettazione del packaging risalgono in Barilla al 1997. Oggi sono stati definiti i “Principi del Barilla Sustainable packaging”:

  1. Riduzione della quantità di materiali di packaging
  2. Utilizzo di imballi riciclabili
  3. Utilizzo di materiali provenienti da foreste gestite in modo responsabile
  4. Validazione delle scelte sulle soluzioni di technical packaging attraverso analisi degli impatti (LCA)
  5. Utilizzare materiali provenienti da fonti rinnovabili non in concorrenza con filiere di produzione di alimenti

 
1. RIDUZIONE DELLA QUANTITA’ DI MATERIALI DI PACKAGING
Il sistema imballaggio è progettato secondo le linee guida della direttiva 94/62 (EU Packaging and Packaging Waste directive). Alcuni dei principali obbiettivi sono:

  • Ridurre la quantità dei materiale di confezionamento, utilizzando tutte le leve tecnologiche e le innovazioni sui materiali proposte dal mercato.
  • Minimizzare l’utilizzo di materiali eterocomposti, focalizzando le scelte su materiali costituiti da componenti omogenei di più facile smaltimento post consumo.
  • Ricercare l’ottimizzazione logistica per massimizzare la saturazione nello stoccaggio e nel trasporto.

 
2. UTILIZZO DI IMBALLI RICICLABILI
Uno dei driver principali per la scelta dell’imballaggio è la sua riciclabilità. Riveste quindi un aspetto molto importante la scelta del materiale utilizzato, facendo ricorso preferibilmente a materiali riciclabili, laddove le caratteristiche organolettiche del prodotto lo permettono.
Per aiutare i consumatori a smaltire in modo differenziato e corretto gli imballi, sono state ideate speciali icone da inserire sulle confezioni dei prodotti. In particolare, sono state create cinque differenti simbologie:

3. UTILIZZO DI CARTA E CARTONE PROVENIENTE DA FORESTE GESTITE RESPONSABILMENTE
La scelta di Barilla per gestire in modo responsabile gli imballi di carta e cartone è quella di utilizzare per i materiali in fibra vergine filiere gestite secondo gli standard FSC o PEFC, che garantiscono una gestione forestale sostenibile, improntata alla tutela dell’ambiente, al rispetto dei diritti e delle tradizioni culturali, alla promozione della sostenibilità economica delle attività forestali.
 
4. VALIDAZIONE DELLE SCELTE SULLE SOLUZIONI DI TECHNICAL PACKAGING ATTRAVERSO ANALISI DEGLI IMPATTI (LCA)
L’analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment, LCA) è una metodologia con cui si studiano e si quantificano gli impatti ambientali che vengono generati lungo una filiera produttiva, a partire dalla produzione delle materie prime fino allo smaltimento dei prodotti finali. Le regole per portare a termine un’analisi LCA sono definite dalle Norme Tecniche Internazionali ISO (International Standard Organization) 14040 e 14044. Barilla ha reso questo strumento un sistema facile e “smart” grazie alla creazione del LCA Pack Design Tool: un tool di calcolo che in modo rapido ed efficace, permette di verificare le prestazioni ambientali e di confrontare soluzioni alternative di packaging durante la fase di progettazione delle nuove confezioni. Il tool viene utilizzato in occasione di cambi di packaging significativi rispetto alla categoria di riferimento; quando a cambiare è l’intera categoria viene effettuato uno studio approfondito.
 
 
5. UTILIZZARE MATERIALI PROVENIENTI DA FONTI RINNOVABILI NON IN CONCORRENZA CON FILIERE DI PRODUZIONE DI ALIMENTI
Barilla utilizzerà materiali, per produrre i suoi imballaggi, che provengono da fonti rinnovabili non in concorrenza con le catene alimentari, come: alberi, scarti di prodotti agricoli e tutto ciò che sarà disponibile in futuro, secondo le tecnologie che diverranno disponibili nel prossimo futuro.
Per carta e cartone l'obiettivo è facilmente raggiungibile, le materie prime provengono già da fonti rinnovabili diverse da quelle legate alla filiera alimentare.
Per la plastica, cercheremo materiali innovativi in grado di mantenere le stesse prestazioni di quelli attuali, in termini di protezione degli alimenti, efficienza delle linee di imballaggio e processabilità con i nostri processi.